Ammettiamolo: una delle cose più difficili è farsi ascoltare dai bambini, soprattutto dai propri figli!

Vi svelerò dei piccoli trucchi che mi hanno rivelato persone più esperte di me vedendomi urlare inutilmente contro i miei bimbi mentre ero in preda allo sconforto più totale…
Non si dovrebbe urlare mai, ma sappiamo anche che, perdere la pazienza, è inevitabile e sopratutto è umano!
Non siamo perfetti e non siamo nati genitori, impariamo strada facendo, giusto?

Come farsi ascoltare dai bambini

Quando i bambini piccoli (dai 18 mesi) iniziano a “sfidarci” con i loro “no” perenni, in realtà, cercano di autoaffermarsi e di capire se i limiti dettati da noi grandi possono essere spostati o eliminati. I “terribili due” mettono alla prova anche il miglior genitore dell’anno!

Ecco qualche consiglio per facilitare l’ascolto e la comprensione:

  1. Parlare sempre alla loro altezza. E’ necessario abbassarci e parlare ai nostri figli guardandoli negli occhi. Questa regola è, secondo me, la più importante. Spesso ci dimentichiamo di farlo e così facendo creiamo una distanza visiva e fisica tra noi e i piccoli, e di conseguenza anche una distanza “emotiva”.
  2. Il tono deve essere calmo ma deciso. Non bisogna urlare ma parlare in modo calmo e tranquillo.
  3. Bisogna ripetere all’infinito il concetto che si vuole trasmettere. I bambini hanno i loro tempi, anche per capire i concetti che cerchiamo di spiegare loro.
  4. Bisogna essere chiari e diretti, usare frasi semplici e corte.
  5. Non bisogna dare comandi come “non si urla”( magari detto urlando, a me è successo). Le regole vanno spiegate e avere carattere generico, impersonale: “Si parla a voce calma e bassa altrimenti non si riesce a comunicare”.
  6. Raccontiamo le nostre emozioni ai nostri bambini, ad esempio: “La mamma è triste perchè vorrebbe leggere con te il libro della buonanotte ma tu urli e lo rendi impossibile”.
  7. Il modo più efficace per farsi ascoltare dai bambini è essere sinceri.

Come si danno le regole

Un modo per farsi ascoltare dai bambini è quello di provare a definire con loro regole semplici e chiare:

  1. Le regole vanno decise da entrambi i genitori, altrimenti si crea confusione nei figli. E’ importante per i bambini sapere che le regole sono sempre le stesse e che valgono sempre, sia con un genitore, sia con l’altro.
  2.  Una regola deve essere chiara e semplice, ben comprensibile al bambino. Ad es. è corretto dire: “E’ arrivata l’ora di andare a dormire” e non: “Sbrigati, vai a dormire”.
  3. La regola deve essere realistica e adeguata all’età. Il bambino deve essere in grado di attuarla. Non pretendiamo troppo da loro e sopratutto ogni bimbo ha i suoi tempi.
  4.  La regola data deve avere un suo perchè e va spiegato. Vostro figlio ve lo chiederà e la risposta “perchè così dice la mamma” non vale! Dietro ad ogni regola ci deve essere una motivazione educativa e pedagogica. A ogni regola bisogna chiedersi se è utile nella crescita del proprio bambino.

Ci sono anche regole che si possono decidere insieme ai bambini. Soprattutto se si hanno più figli è facile capire da loro le regole che vorrebbero per giocare, ad esempio, meglio insieme.
Quando abbiamo operato il nostro gatto è stato necessario metterlo a riposare per una settimana in bagno, lontano da punti della casa che gli facessero venire voglia di saltare. E’ stato sorprendente come Miriam e Giacomo abbiano voluto elencare, trascrivere e appendere le regole per Shiva (il gatto). Dettandoci i vari “non si apre la porta”, “non si urla vicino al bagno”, “non si bussa alla porta” ecc… Hanno mostrato di essere vicino emotivamente alla nostra gattina e di voler fare qualcosa per aiutarla a stare meglio e a riprendersi; e questo intento lo hanno dimostrando dando delle nuove regole alla casa.

I bambini sanno che le regole sono importanti per vivere meglio!

Io però ho la fortuna che i miei bimbi danno il peggio di loro dentro casa così quando perdo la pazienza non mi vede mai nessuno…

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *